COMBONI THAT DAY

“Santa Pasqua a tutti!” dal Vicario Generale

Sabato 15 aprile 2017
Carissimi confratelli, trascrivo questi due testi che possono aiutarci a capire meglio il significato della Pasqua: «Ecco, io faccio tutte le cose nuove» (Rivelazione 21, 3-5); «La sua risurrezione non è una cosa del passato; contiene una forza di vita che ha penetrato il mondo. Dove sembra che tutto sia morto, da ogni parte tornano ad apparire i germogli della risurrezione. È una forza senza uguali» (Evangelii Gaudium, 276). [P. Jeremias dos Santos Martins, Vicario Generale dei Missionari Comboniani].

Auguro a tutti un Cammino impegnativo e gioioso verso la Pasqua

Carissimi confratelli, trascrivo questi due testi che possono aiutarci a capire meglio il significato della Pasqua:

“E udii una gran voce dal cielo, che diceva: «Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini! Ed egli abiterà con loro; e essi saranno suo popolo e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate». Allora colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio tutte le cose nuove». Poi mi disse: «Scrivi, perché queste parole sono veraci e fedeli» (Rivelazione 21, 3-5).

“La sua risurrezione non è una cosa del passato; contiene una forza di vita che ha penetrato il mondo. Dove sembra che tutto sia morto, da ogni parte tornano ad apparire i germogli della risurrezione. È una forza senza uguali. È vero che molte volte sembra che Dio non esista: vediamo ingiustizie, cattiverie, indifferenze e crudeltà che non diminuiscono. Però è altrettanto certo che nel mezzo dell’oscurità comincia sempre a sbocciare qualcosa di nuovo, che presto o tardi produce un frutto. In un campo spianato torna ad apparire la vita, ostinata e invincibile. Ci saranno molte cose brutte, tuttavia il bene tende sempre a ritornare a sbocciare ed a diffondersi. Ogni giorno nel mondo rinasce la bellezza, che risuscita trasformata attraverso i drammi della storia. I valori tendono sempre a riapparire in nuove forme, e di fatto l’essere umano è rinato molte volte da situazioni che sembravano irreversibili. Questa è la forza della risurrezione e ogni evangelizzatore è uno strumento di tale dinamismo”. (EG 276).

Santa Pasqua a tutti!
P. Jeremias dos Santos Martins, mccj