Superiore religiose d’Italia riflettono sulla multiculturalità e l’interculturalità

Immagine

Martedì 27 marzo 2018
Dal 4 al 6 aprile 2018, presso l’Auditorium del SGM Conference Center a Roma si svolgerà la 65a Assemblea Nazionale dell’Unione Superiore Maggiori d’Italia (USMI), un appuntamento che esprime la ricchezza della comunione e la disponibilità ad essere illuminate nel servizio di governo. L’Assemblea rifletterà su un aspetto particolare dell’arte del passaggio, tematica che è stata declinata nei cinque anni in un crescendo di riflessioni e di provocazioni utili per il compito affidato. Infatti, dalla multiculturalità all’interculturalità sarà il focus attorno al quale ci si confronterà perché il bagaglio variopinto e complesso delle culture trovi nell’accoglienza delle diversità il motivo per creare comunione e rendere il carisma di ogni Congregazione aperto alla novità e alla imprevedibilità dello Spirito.


Aprirsi agli altri non impoverisce, ma arricchisce, perché aiuta a essere più umani: a riconoscersi parte attiva di un insieme più grande e a interpretare la vita come un dono per gli altri”.
Papa Francesco

Il programma prevede due relazioni: “Tutti voi siete uno in Cristo (Gal. 3,28)”, di mons. Giacomo Morandi, Segretario della Congregazione per la Dottrina della fede, e “Interculturalità e vita consacrata”, di padre Arturo Sosa Abascal, Superiore generale della Compagnia di Gesù. Inoltre arricchirà questi contenuti l’esperienza di interculturalità nel governo (suor Elisabetta Flick, sa, vice presidente dell’UISG); nella formazione (suor Etra Luana Modica, mscs, Consigliera generale della formazione; e nella missione (suor Elisa Kidanè, smc, scrittrice, giornalista e poetessa).

A conclusione del mandato dell’attuale Presidenza, madre Regina Cesarato e l’economa, sr Claudia Gregna daranno relazione del cammino fatto nel quinquennio e comunicheranno alcune possibili indicazioni per il cammino del prossimo futuro; l’Assemblea sarà chiamata anche ad eleggere la Presidente e la Vice presidente per il prossimo quinquennio.