Mercoledì 17 luglio 2019
Per trovarsi in presenza l'uno dell' altro, sia il missionario che il futuro neofita devono superare delle distanze, che non sono solo geografiche, ma spesso socio-economiche, culturali e religiose. L'incontro suppone due movimenti di segno contrario. Nell'incontro vi è sempre un invito alla conversione reciproca. In questa "conversione all'altro" sta uno degli elementi fondamentali della spiritualità missionaria. Ecco un tema che ci potrà interessare per approfondire la tematica dell' interculturalità. Fonte: AD GENTES 6 (2002), pag. 118- 125. Vedi allegato.