Il Sud Sudan ha altri cento giorni per formare il governo di transizione

Immagine

Mercoledì 13 novembre 2019
Si apre una nuova fase in Sud Sudan, in attesa che si risolvano le controversie in sospeso che impediscono la formazione di un governo di coalizione. Il presidente sudsudanese, Salva Kiir, el’ex leader ribelle, Riek Machar, hanno difatti concordato di rinviare di cento giorni la formazione di un governo di unità di transizione oltre la scadenza prevista inizialmente per ieri, 12 novembre 2019.

A partire da domani inizia pertanto il conto alla rovescia, che permetterà alle parti interessate di affrontare questioni chiave in sospeso come le disposizioni transitorie sulla sicurezza, la divisione federale del paese, stabilendo il numero di stati che avrà il paese e i loro confini. Sarà fondamentale affrontare anche questioni critiche relative ai diritti umani e alla giustizia per le atrocità commesse nel passato. Da quando è scoppiata la guerra nel dicembre 2013, si sono intensificati gli arresti arbitrari e la repressione politica, inclusa la tortura dei detenuti.
[L'Osservatore Romano]