Giovedì 9 aprile 2020
In questi giorni drammatici segnati dall’emergenza del COVID-19, una pandemia che sta colpendo pian piano ovunque nel mondo, abbiamo bisogno più che mai di sostegno umano, psicologico e spirituale. Oggi più che mai sentiamo il bisogno di una Parola trasformante: “Come la pioggia e la neve scendono dal cielo, e non vi ritornano senza averla irrigata, fecondata e fatta germogliare, per dare seme al seminatore e pane a chi mangia, così sarà della parola uscita dalla mia bocca” (Isaia 55,10-11).
(Vedi anche comboni.org)

Ecco, io creo nuovi cieli e una terra nuova... (Isaia 65,17).
Allo spontare dell'alba, Dio soccorrerà la città (Salmo 46,6).
Tu sei rifugio e scudo, spero nella tua Parola (Salmo 119).
Non temere, io sono con te... ti rendo forte e ti vengo in aiuto (Isaia 41,10).
Chi spera nel Signore riacquista forza (Isaia 40,31).
Fammi conoscere la strada da percorrere..., a te mi affido (Salmo 143,8-9).
“Io spero nel Signore...” (Salmo 130)
Egli si volge alla preghiera dei derelitti... (Salmo 102,18)
Signore, a Te giunga il mio grido di aiuto... (Salmo 102,1)
Giovedì Santo. Questo è il mio corpo... (1Cor 11,24)
Venerdì Santo. Ho sete... E, chinato il capo, consegnò lo spirito. (Gv 19,28.30)
Sabato Santo. Giorno di Silenzio.
“Rialzaci, Signore, nostro Dio, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi” (Salmo 80,4).

Fratel Alberto Parise