Martedì 6 ottobre 2020
La necessità di conservare e proteggere le foreste globali è chiara e urgente. Le popolazioni indigene come i kichwa dell'Amazzonia hanno riconosciuto la necessità di agire per prevenire i peggiori effetti del cambiamento climatico, della deforestazione e degli impatti sulle specie. A tal fine, una comunità kichwa sta implementando pratiche agroforestali innovative e sostenibili nell'Amazzonia ecuadoriana. Attraverso una combinazione unica di approcci basati sul mercato con la conservazione e pratiche agroforestali tradizionali stanno diversificando le loro fonti di reddito proteggendo la foresta pluviale amazzonica. [
Jpic-jp.org]

Popolazione indigena di circa 55.000 abitanti, i Kichwa vivono nella foresta pluviale ecuadoriana che si estende dalle colline andine alle pianure amazzoniche. Sono fin troppo consapevoli delle minacce ai loro mezzi di sussistenza e al territorio, un'area che copre più di 1 milione di ettari (2,5 milioni di acri) che è stata loro assicurata in seguito alla protesta del 1992 a Pastaza dove hanno ottenuto i loro diritti sulla terra.

Le minacce principali sono le stesse del resto dell'Amazzonia: incendi boschivi, introduzione di bestiame e strade, agricoltura taglia e brucia per la monocoltura - come l'olio di palma -, invasione di insediamenti umani, disboscamento illegale, estrazione mineraria, del petrolio e del gas.

Una risposta nata dalla comunità

Di fronte a queste minacce, un gruppo di piccoli agricoltori kichwa della comunità 24 de Mayo, vicino alla città di Loreto, della provincia di Orellana, si sono organizzati. Stanno implementando approcci innovativi per la conservazione della foresta sui 6.000 ettari (14.800 acri) della loro comunità grazie all'impresa di proprietà indigena Ally Guayusa e a un insieme unico di partnership.

"Siamo una cooperativa di proprietà degli agricoltori, responsabile nei confronti della comunità per la produzione, la raccolta, la lavorazione e la vendita di tè biologico guayusa [Ilex guayusa] per i mercati locali e internazionali", afferma Leonor Andy, direttrice generale di Ally Guayusa. Ally Guayusa ha recentemente stabilito una partnership innovativa con la Fondazione Aliados e  Lush Cosmetics Charity Pot per proteggere i mezzi di sussistenza dell'Amazzonia e dei kichwa, diversificando le fonti di reddito dai prodotti forestali e allo stesso tempo proteggendo la terra da cui dipendono i kichwa.

La Guayusa è quindi un'importante coltura da reddito centrale per i loro sforzi. Il tè guayusa biologico, un parente dell'erba mate, svolge anche un ruolo importante nella cultura kichwa e, sempre più, nei loro sforzi di conservazione della foresta.

"È stato utilizzato per generazioni dalle comunità kichwa", afferma Andy. “Tradizionalmente, viene raccolto direttamente dalla foresta e poi fatto bollire come tè. Viene bevuto la mattina presto prima che sorga il sole mentre si condividono i sogni e si pianifica la giornata".

La guayusa, una specie selvatica di agrifoglio che cresce ad altitudini comprese tra 200 e 2.000 metri, è anche piantata e coltivata dai kichwa nei tradizionali sistemi di agricoltura agroforestale di piccoli proprietari. Ally Guayusa riunisce 103 delle 250 famiglie della comunità per trasformare il loro raccolto di guayusa in tè sfuso e poi lo vende nei mercati locali e globali.

"Queste comunità hanno bisogno di accedere a del denaro per integrare il loro stile di vita tradizionale e per avere una rete di sicurezza durante i periodi difficili", afferma Wain Collen, direttore esecutivo della Fondazione Aliados e Kinship Conservation Fellow. “Potrebbero ottenere denaro disboscando la loro foresta e piantando colture non autoctone [ad es. Olio di palma], ma ciò minerebbe la salute dell'ecosistema, la loro casa. Stiamo invece lavorando con loro per coltivare colture autoctone che vengono prodotte senza degradare la foresta, preservando così la biodiversità e l'habitat anche per gli animali", afferma Collen.

Tradizione e capacità crescente

I kichwa hanno tradizionalmente praticato l'agro-forestazione in piccoli appezzamenti noti come chakra, e questi sforzi si basano su quell'esperienza.

Ally Guayusa ha 40 ettari (99 acri) di foresta pluviale dove coltiva guayusa biologica certificata. Lavora con Aliados anche per sperimentare nuove colture ed integrare con successo specie di legname, alberi da frutto, cannella amazzonica e citronella insieme agli alberi di guayusa. L'obiettivo è contribuire alla salute della foresta, fornendo anche una fonte di reddito, secondo Collen.

Con una donazione di terra dalla comunità 24 de Mayo, una sovvenzione da Lush Cosmetics e un prestito a tasso zero dalla Fundación Crisfe, i kichwa hanno ora la capacità di produrre fino a 1.600 chilogrammi di tè guayusa al mese, secondo Andy. Questo può generare fino a $ 150.000 all'anno, il 40% dei quali va agli agricoltori familiari per il tè che raccolgono; il resto è dedicato al funzionamento e alla gestione della cooperativa, afferma Collen.

Lush Cosmetics, nei suoi sforzi per finanziare le comunità indigene e la protezione ambientale, è stata un'importante fonte di aiuti per Ally Guayusa. "Abbiamo finanziato i macchinai, le confezioni, i sigillanti di qualità", dice Tricia Stevens, responsabile delle donazioni di beneficenza per Lush Cosmetics del North America. "Abbiamo anche finanziato corsi di formazione, certificazione biologica, gestione aziendale finanziaria, gestione del territorio e laboratori di conservazione".

L'integrazione della conoscenza tradizionale dei kichwa con i più recenti approcci alla conservazione basati sul mercato, incentiva la gestione agroforestale sostenibile rispetto a pratiche agricole più distruttive.

Massimizzare le risorse

La combinazione di risorse ha aumentato la capacità dei kichwa di coltivare colture da reddito necessarie, come la guayusa, aumentando così il reddito e la capacità rigenerativa della terra.

In una conversazione con i membri della cooperativa è stato chiaro che questi sforzi stanno dando loro speranza. Secondo un contadino, Ricardo Huatatoca, la vendita di guayusa ha contribuito a fornire i mezzi per sostenere la sua famiglia e pagare l'istruzione dei suoi figli. "Se abbiamo un po' di tutto, caffè, riso, cioccolato, polli e guayusa, allora possiamo sopravvivere e non dipendere da un solo prodotto", racconta.

Un altro membro della cooperativa, Nelson Grefa, afferma che la guayusa "può farci uscire dalla povertà, può dare ai nostri figli un percorso verso più attività in futuro". E aggiunge che c'è un importante impatto ambientale positivo: “La pianta produce foglie tutto l'anno e non richiede molte cure. Nessun albero viene abbattuto, solo le foglie vengono raccolte e la foresta rimane intatta".

La combinazione di approcci con la conservazione basati sul mercato, insieme alle pratiche agroforestali tradizionali, non solo protegge la cultura kichwa, i mezzi di sussistenza e il sistema ecologico da cui dipendono, ma ha l'ulteriore vantaggio di mitigare i cambiamenti climatici mantenendo intatte le foreste in modo che possano continuare ad assorbire l'anidride carbonica.

Oltre ai vantaggi ambientali e finanziari, l'approccio dei kichwa consente loro di continuare a vivere e lavorare nella loro terra natale. La loro continua presenza in tutto il territorio kichwa "può fornire un ulteriore livello di protezione per i 6.000 ettari della comunità 24 de Mayo, in particolare quando si tratta di disboscamento illegale, minatori e bracconieri", afferma Collen.

Testo originale: Il Kichwa dell'Ecuador implementa un approccio innovativo alla conservazione della foresta pluviale

Foto. Leonor Andy, direttrice di Ally Guayusa, accanto alle crescenti foglie dell'albero di Guayusa utilizzate per preparare il tè. Foto di Matthew Wilburn King.

[Mongabay 20.05.2020. Matthew Wilburn King. Tradotto da: Jpic-jp.org]