Venerdì 14 ottobre 2022
Nel 2023 saremo fuori dalla pandemia da coronavirus? Quali sfide dovremo ancora affrontare? Quali problemi e quali attese nella vita sociale ed ecclesiale? Pubblichiamo il testo italiano delle intenzioni affidate dal Papa alla sua Rete mondiale di preghiera per l’anno 2023.

Un lungo processo di discernimento

Il prossimo sarà l’anno della celebrazione della xvi assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione missione”, ma anche della Gmg di Lisbona. Tutto ciò non è estraneo alla sollecitudine del Papa per i fedeli e per l’umanità intera. Infatti,  quanto riguarda l’uomo e il suo rapporto con la Chiesa e il mondo trovano spazio nelle intenzioni  che egli affida alla sua Rete mondiale di preghiera. Appunto per il 2023  il Pontefice ha scelto di invitare i fedeli a pregare ogni mese per una categoria di persone, per alcune situazioni, per tante urgenze che hanno bisogno di un surplus di aiuto dall’Alto. Tra le intenzioni ce ne sono dedicate agli educatori e alle parrocchie, ma anche alle vittime di abusi, alla sensibilizzazione per l’affermarsi di una  cultura della nonviolenza, e per l’abolizione della tortura. Senza dimenticare le persone che vivono ai margini  e quelle con disabilità.

A livello ecclesiale l’attenzione è rivolta ai due attesi eventi: il Sinodo  e la Gmg. Considerando anche che vengono richieste preghiere per il Pontefice, i movimenti e le associazioni e per una vita eucaristica.

Le intenzioni mensili, come ha spiegato in varie occasioni il gesuita Frédéric Fornos — direttore internazionale della Rete mondiale di preghiera del Papa e del Movimento eucaristico giovanile — nascono da un lungo processo di discernimento. I suggerimenti giungono da tutti i gruppi della Rete mondiale diffusi nel mondo e dai giovani del Movimento eucaristico. È importante questo respiro universale che mette in risalto alcuni aspetti caratteristici di ogni Continente, in modo che il soffio dello Spirito venga ascoltato ad ogni latitudine per accogliere i bisogni di tanti fratelli e sorelle.

È per questo che la prima azione dei membri della Rete è il mettersi in attento ascolto non solo della voce di Dio, ma anche di quella del prossimo che interpella le coscienze. La bussola che guida la scelta delle intenzioni è cercare di guardare il mondo con gli occhi di Cristo e con la stessa sollecitudine del suo cuore per la Chiesa. Le proposte non vengono indicate solamente dai membri della Rete, ma anche dai vari Dicasteri della Curia romana e da altri organismi della Santa Sede. I vari temi suggeriti diventano oggetto di verifica e di preghiera da parte di una squadra di venti persone provenienti da diversi Paesi. Al termine viene fatta una votazione per selezionare i temi da presentare al Papa, al quale spetta l’ultima parola.

Questa prima documentazione aiuta il Pontefice nel suo discernimento. La sua visione universale sulla missione della Chiesa, il suo ascolto di tante persone e istituzioni, lo aiutano anche nella sua preghiera. In genere, due mesi dopo aver ricevuto le proposte, Francesco incontra il direttore internazionale e gli affida le sue intenzioni di preghiera ufficiali.

Sono trascorsi 178 anni dall’intuizione del gesuita francese François-Xavier Gautrelet, al quale si deve la fondazione dell’Apostolato della preghiera, divenuto adesso Rete mondiale. Basò questa opera sulla spiritualità del Sacro cuore di Gesù. Nel corso dei secoli, i Pontefici hanno sempre contato sulla preghiera fedele di questa invisibile rete spirituale. Bergoglio, il 17 novembre 2020, con un chirografo eresse in persona giuridica canonica e vaticana la Fondazione Rete mondiale di preghiera del Papa, con sede nello Stato della Città del Vaticano. Anni prima aveva istituito la Rete come opera Pontificia per sottolineare il carattere universale di tale apostolato e la necessità che tutti hanno di pregare sempre più e con sincerità di cuore.

Affidate da Papa Francesco per il 2023:
Intenzioni della Rete mondiale di preghiera

Gennaio

Per gli educatori

Preghiamo perché gli educatori siano testimoni credibili, insegnando la fraternità anziché la competizione e aiutando in particolare i giovani più vulnerabili.

Febbraio

Per le parrocchie

Preghiamo perché le parrocchie, mettendo al centro la comunione, siano sempre più comunità di fede, di fraternità e di accoglienza verso i più bisognosi.

Marzo

Per le vittime di abusi

Preghiamo per quanti soffrono a causa del male ricevuto da parte di membri della comunità ecclesiale: perché trovino nella Chiesa stessa una risposta concreta al loro dolore e alle loro sofferenze.

Aprile

Per una cultura della nonviolenza

Preghiamo per una maggiore diffusione di una cultura della nonviolenza, che passa per un sempre minore ricorso alle armi, sia da parte degli Stati che dei cittadini.

Maggio

Per i movimenti e i gruppi ecclesiali

Preghiamo perché i movimenti e i gruppi ecclesiali riscoprano ogni giorno la loro missione evangelizzatrice, mettendo i propri carismi al servizio delle necessità del mondo.

Giugno

Per l’abolizione della tortura

Preghiamo perché la comunità internazionale si impegni concretamente nell’abolizione della tortura, garantendo un sostegno alle vittime e ai loro familiari.

Luglio

Per una vita eucaristica

Preghiamo perché i cattolici mettano al centro della vita la celebrazione dell’Eucaristia, che trasforma in profondità le relazioni umane e apre all’incontro con Dio e con i fratelli.

Agosto

Per la Giornata Mondiale della Gioventù

Preghiamo perché la Giornata Mondiale della Gioventù a Lisbona aiuti i giovani a mettersi in cammino, testimoniando il Vangelo con la propria vita.

Settembre

Per le persone che vivono ai margini

Preghiamo perché le persone che vivono ai margini della società, in condizioni di vita disumane, non siano dimenticate dalle istituzioni e non siano mai considerate scarti.

Ottobre

Per il Sinodo

Preghiamo per la Chiesa, perché adotti l’ascolto e il dialogo come stile di vita a ogni livello, lasciandosi guidare dallo Spirito Santo verso le periferie del mondo.

Novembre

Per il Papa

Preghiamo per il Papa, perché nell’esercizio della sua missione continui ad accompagnare nella fede il gregge a lui affidato, con l’aiuto dello Spirito Santo.

Dicembre

Per le persone con disabilità

Preghiamo perché le persone con disabilità siano al centro dell’attenzione della società, e le istituzioni promuovano programmi di inclusione che valorizzino la loro partecipazione attiva.

Dal Vaticano, 9 febbraio 2022
Francesco

L’Osservatore Romano