Giovedì 3 settembre 2020
Dal 4 settembre al Centro Comboni di viale Venezia la prima edizione del festival multiculturale promosso dai Comboniani, dall’Associazione Centro Migranti, Miso, Collettivo Uno, Archivio delle memorie dei migranti e dall’Acec.

Prende il via venerdì 4 settembre la prima edizione di Afrobrix, il festival multiculturale dedicato alla musica, cinema, arte, teatro e cultura afrodiscendente, promosso dai missionari Comboniani, dall’Associazione Centro Migranti,  Miso, Collettivo Uno, Archivio delle memorie dei migranti e Acec. Ispirati dal “Decennio Internazionale per le Persone di Origine di Africana dell’ONU”, il team organizzativo ha ideato la prima edizione di Afrobrix, una kermesse multidisciplinare rivolta a tutti gli artisti, media entertainers, influencers ma anche gruppi e il mondo dell’imprenditoria che sono legati alla realtà dell’afrodiscendenza e alla sua cultura, che si sta evolvendo e contaminando tra Europa e mondo afro.

L’afrodiscendenza nasce dal continente africano. Significa avere un legame culturale o geografico con l’Africa. Afrobrix vuole quindi celebrare l’afrodiscendenza, un concetto ampio e pluriforme, eterogeneo e in continua trasformazione. È un’appartenenza identitaria, collettiva e insieme soggettiva. È in certi casi una rivendicazione orgogliosa della propria pluriforme appartenenza sociale e culturale.

Da questo concetto Afrobrix vuole creare una piattaforma d’espressione per la moltitudine di persone nate e cresciute o giunte in Europa e di discendenza afro.  Con Afrobrix si vuole affermare che l’afrodiscendenza è un valore aggiunto, nella convinzione che appartenere a più luoghi, comunità e culture arricchisca l’individuo e la società, e permettendo un dialogo e la crescita di una società più universale.

Brescia da tempo ha una forte presenza afrodiscendente, è per questo che il team organizzativo immagina la città come futuro centro di riferimento per artisti ed eccellenze afrodiscententi provenienti dal contesto italiano ed europeo. Brescia come piattaforma e Afrobrix come appuntamento d’eccellenza per lo scambio di idee e pratiche, insieme alla continua rigenerazione di nuove forme d’arte.

Il festival è strutturato in 4 elementi: Afrobrix Music: un DJ set di apertura, seguito da un concerto di musica dal vivo; Afrobrix Film: Proiezione di cortometraggi “made in Brescia e Italia” insieme alla realtà afrodiscendente e dei lungometraggi di cinema africano contemporaneoAfrobrix Arts: una performance teatrale a cura delle associazioni bresciane Miso e Collettivo Uno; Afrobrix Expo: esposizioni artistiche e stand dedicati all’artigianato e la micro impresa afro-europea.

Per tutta la durata della manifestazione saranno a disposizione del pubblico dei food truck con il meglio della cucina italiana e internazionale. Tutte le proposte del festival, che si tiene presso il Centro Comboni di viale Venezia a Brescia, sono a ingresso gratuito. Per ulteriori informazioni: www.afrobrix.it; www.facebook.com/afrobrixfestival2020; www.instagram.com/afrobrix.
Missionari Comboniani