Immagine

Produrre più cibo non batterà la fame nel mondo

Giovedì 10 maggio 2018
Per una vita sana e attiva l’organismo mediamente ha bisogno di 2.100 calorie al giorno – scrive
Milena Gabanelli sul corriere.it –. Per dare un’idea: 100 gr di latte corrisponde a 47 calorie, di pane 250, riso 300, maiale 171, manzo 115, cavolo 40, cipolla 40, banana 89, mela 52. Bene, oggi 815 milioni di persone mettono nello stomaco poco più di un pugno di riso la giorno. I dati del rapporto Fao, Ifad, Unicef, Wfp, Who mostrano un fenomeno in crescita: 38milioni di affamati in più rispetto al 2015. Numeri che vengono confusi e inghiottiti dentro una preoccupazione più generale: se oggi 815 milioni di persone non mangiano, come si potrà sfamare un pianeta che nel 2050 sfiorerà i 10 miliardi di abitanti? La risposta dell’industria e delle agenzie internazionali è una sola: bisogna produrre più cibo. Intanto vediamo dove oggi si soffre la fame e perché.

Immagine
I padroni della terra – primo rapporto sull’accaparramento di terra

Martedì 8 maggio 2018
Il 27 aprile è stato presentato a Bari i “
Padroni della Terra”, primo rapporto sul fenomeno del land grabbing (in italiano accaparramento della terra) realizzato da FOCSIV in occasione del lancio della campagna Abbiamo riso per una cosa seria. 88 milioni di ettari di terra fertile nel mondo in 18 anni sono stati accaparrati da Stati, gruppi e aziende multinazionali, società finanziarie e immobiliari internazionali. Questo fenomeno si chiama: Land Grabbing.

Immagine
Famiglie e società inclusive: 15 maggio 2018

Lunedì 30 aprile 2018
La
Giornata internazionale delle famiglie è osservata, ogni anno, il 15 maggio. Nonostante il fatto che le famiglie di tutto il mondo si siano notevolmente trasformate negli ultimi decenni a causa delle tendenze globali e dei cambiamenti demografici, le Nazioni Unite riconoscono ancora la famiglia come unità di base della società. La lotta riguarda la struttura familiare. L'amministrazione dell'ONU vuole che tutti i paesi riconoscano lo stesso valore a una famiglia fondata sulla relazione tra una donna e un uomo e quella costruita sulla relazione tra due uomini o due donne. E questo, a volte, contro la cultura e la volontà del Paese.

Consiglio di Economia a Roma
Incontro del Consiglio di Economia dal 17 al 24 maggio
Incontro dei comboniani che lavorano nei media in Europa
Incontro dei comboniani che lavorano nei media in Europa dal 28 al 31 maggio
P. Pietro in Togo
P. Pietro Ciuciulla sarà dal 4 al 31 maggio in Togo per la RdV e l’Incontro di Economia
Incontro della Famiglia Comboniana (consigli generali)
L’incontro dei consigli generali dei MCCJ, SMC, MSC, e dei LMC dal 1 al 3 giugno
Incontro europeo di GPIC a Bressanone.
Incontro europeo di GPIC dal 19 al 21 giugno
Data di Nascita: 16/10/1942
Data Decesso: 16/05/2018
Luogo Decesso: Castel d‘Azzano VR (I)
Data di Nascita: 27/02/1963
Data Decesso: 22/04/2018
Luogo Decesso: Ciudad de México
Data di Nascita: 21/11/1940
Data Decesso: 17/03/2018
Luogo Decesso: Newark/USA
Data di Nascita: 23/03/1943
Data Decesso: 15/03/2018
Luogo Decesso: Brescia/I
Data di Nascita: 20/10/1931
Data Decesso: 03/03/2018
Luogo Decesso: Ellwangen/D
più letti

Mercoledì 23 maggio 2018
L'Amazzonia si mobilita per l'erede di suor Dorothy. Il sacerdote, che difende i diritti dei contadini senza terra, è in cella dal 27 marzo. La Chiesa locale: accuse false. Mobilitazione in Rete per il suo rilascio. Nella foto: Padre Amaro chiede giustizia per suor Dorothy, massacrata nel 2005, Archivio Cpt Pará. [Avvenire]

Wednesday, May 23, 2018
It seems to me that the quest to reflect upon and deepen our charismatic identity should bring us Comboni Missionaries to: (1) appreciate more the person of St. Daniel Comboni and love more our Congregation; (2) dedicate ourselves wholeheartedly to mission in the footsteps of our father and founder; and (3) pay special attention to communication as our founder did. (The last point springs from the awareness of the increasing importance of the media, the sector in which I have been working for the last 15 years.) In that direction, I put forward the following notes. […] Fr. José Rebelo.

Mercoledì 23 maggio 2018
Il Capitolo ha invitato l’Istituto a ricuperare la Regola di Vita (Atti Capitolari, 31). Il ricupero è possibile solo a una condizione: ritrovare e mettere in rilievo nella Regola di Vita l’esperienza del Comboni perché questa diventi veicolo di un vissuto qualificato nel modo di essere dei MCCJ. Nel ricupero dell’esperienza del Comboni bisognerà riferirsi a testi che dovranno essere capiti naturalmente nel contesto e attualizzati nella continuità dell’eredità comboniana. […] P. Danilo Castello.

Wednesday, May 23, 2018
In the Rule of Life I find four basic dimensions of the charismatic identity of the Comboni Missionary Institute and its members. These mutually complementary dimensions of our identity are inseparably intertwined and overlap [e.g., Cf. RL 10.3], so that it is somewhat artificial to present them separately and yet it may be helpful to attempt to delineate each dimension as it is presented in the Rule of Life. The order of presentation does not reflect a chronological journey of assimilating our shared identity, since these elements are intrinsically united in the Comboni Missionary charism, however it does represent a certain logic of “belonging” to the Comboni Missionaries. […] Fr. John Converset, MCCJ.

Lunedì 21 maggio 2018
La crisi politica in Congo è davvero una bomba a orologeria. La diagnosi più accurata è che i molti mali che distruggono la Repubblica Democratica del Congo (RDC) derivano da una cattiva governance. A causa di un mal governo, l'elezione costituzionalmente richiesta è stata ritardata e la corruzione è diventata una prassi e una cultura dell’impunità. Il sistema giudiziario protegge i potenti e i ricchi gruppi armati che aumentano il loro numero di immense aree di controllo in alcune province. Aree precedentemente pacifiche che ora hanno visto gravi spargimenti di sangue, il sistema educativo deteriorato, il flusso di rifugiati nelle nazioni vicine. Continua lo spostamento interno di persone che sono tra le più alte del continente e l'accaparramento di terre ha superato, secondo Land Matrix, quello di qualsiasi altra nazione africana.