COMBONI, QUEL GIORNO

In Pace Christi

Fr. Seibold Adolf

Data di nascita: 30/01/1935
Luogo di Nascita: Zirndorf/D

Voti temporanei: 02/02/1955
Voti perpetui: 02/02/1961

Data Decesso: 26/03/2017
Luogo Decesso: Ellwangen/D

Fr. Seibold Adolf (30.01.1935 – 26.03. 2017)

Fr. Adolf è deceduto il 26 marzo di notte nell’ospedale di Ellwangen. Da parecchio tempo non si sentiva bene. I suoi problemi di salute erano aumentati a vista d’occhio. La sua degenza ospedaliera era diventata sempre più frequente e più lunga. Al suo ultimo ricovero, una settimana prima di morire, aveva capito – e l’ha anche manifestato – che la sua vita andava verso la fine e che la vita definitiva si stava avvicinando. Ha accettato la sua situazione con tranquillità, fede e lucidità, senza lamentarsi e senza paure.

Fr. Adolf era nato a Zirndorf nella Franconia Centrale (Baviera, diocesi di Eichstätt) il 30 gennaio 1935. Quella zona ha dato alla DSP una dozzina di bravi confratelli e missionari. Uno di loro era il vescovo di Tarma (Perù), Mons. Lorenz Unfried.

Il 1° marzo 1950, all’età di quindici anni, Fr. Adolf entrò da aspirante Fratello nella casa di Josefstal. Il 21 agosto 1952 fu ammesso al postulato e il 2 febbraio 1953 iniziò il noviziato a Josefstal. Gli anni anteriori al noviziato erano stati dedicati alla preparazione professionale. Il 2 febbraio 1955 fece la prima professione e il 2 febbraio 1961 quella perpetua.

Dopo il noviziato cominciò a lavorare nell’azienda agricola di Mellatz. A questo lavoro dedicò alcuni decenni, prima nella DSP e poi in Sudafrica, dove le aziende erano molto grandi e necessitavano di un buon numero di lavoratori. Perciò il lavoro del Fratello era principalmente di tipo organizzativo e i rapporti con gli operai non sempre erano facili. Per molti anni Fr. Adolf portò avanti questo lavoro nelle missioni di Belfast, Maria Trost, Glen Cowie e Barberton.

Negli anni ottanta, arrivò anche in Sudafrica il momento di disfarsi delle aziende. Uno dei motivi era anche la mancanza di Fratelli per questo tipo di lavoro. Fr. Adolf fu assegnato allora alla missione di Luckau per gestire un potente mulino in funzione da molti anni che offriva un grande servizio ai contadini della zona: fu incaricato del mulino per sei anni.

In seguito collaborò per tre anni a un progetto d’orto nella missione di Elukwatini, dove anni prima il parroco aveva costruito una casa di risposo per persone anziane, gestita ancora oggi da Suore Benedettine tedesche. Negli ultimi anni, prima della sua assegnazione alla DSP, Fr. Adolf lavorò in varie missioni come responsabile della casa e dell’orto. Nel 1997 fu assegnato alla DSP. Dopo tre anni nelle comunità di Neumarkt e Josefstal passò a Bamberg.

Nel 2011 fu assegnato alla comunità del Centro Anziani e Ammalati di Ellwangen. Già a Bamberg aveva avuto problemi di cuore, e fu operato a una valvola cardiaca. Durante gli ultimi anni dovette spesso essere ricoverato in ospedale. Ciononostante ha continuato a lavorare nel piccolo parco davanti alla casa per quanto il suo stato di salute glielo permetteva.

Fr. Adolf era una persona di poche parole. Non era facile conversare con lui, cosa che non favoriva la vita comunitaria. Durante la sua frequente permanenza in ospedale invece sembrava una persona diversa: gradiva le visite, chiacchierava volentieri, si mostrava gentile e grato. Adesso riposa nel cimitero di Ellwangen accanto ai 39 Padri e 28 Fratelli morti prima di lui. (P. Alois Eder)