COMBONI, QUEL GIORNO

Summarium

I Missionari Comboniani (Mccj) si rifanno a Comboni. Il loro primo nome, dato dal fondatore nel 1867, era Istituto per le Missioni della Nigrizia. Divennero Congregazione Religiosa nel 1885 con il nome di Figli del Sacro Cuore di Gesù (Fscj) e assunsero il nome attuale nel 1979. Sono presenti in più di trenta paesi. La loro identità è definita dalla Regola di Vita (n. 10): “I Missionari Comboniani sono una comunità di fratelli chiamati da Dio e consacrati a Lui mediante i consigli evangelici della castità, povertà e obbedienza per il servizio missionario nel mondo, secondo il carisma di Daniele Comboni”.

Il portale vuole essere dialogo e interazione verso l’esterno dell’Istituto offrendo ad amici, fedeli, persone di buona volontà di conoscere la Missione e l’Istituto. Una conoscenza che porti alla collaborazione e al coinvolgimento per fare avanzare nel mondo di oggi i valori del Vangelo.

Articoli e proposte formative sulla spiritualità di Daniele Comboni, Liturgia e preghiere per la sua festa e in suo onore.
(I libri sulla spiritualità di Comboni si trovano nella sezione Saggi).

I Missionari Comboniani (Mccj) si rifanno a Comboni. Il loro primo nome, dato dal fondatore nel 1867, era Istituto per le Missioni della Nigrizia. Divennero Congregazione Religiosa nel 1885 con il nome di Figli del Sacro Cuore di Gesù (Fscj) e assunsero il nome attuale nel 1979. Sono presenti in più di trenta paesi. La loro identità è definita dalla Regola di Vita (n. 10): “I Missionari Comboniani sono una comunità di fratelli chiamati da Dio e consacrati a Lui mediante i consigli evangelici della castità, povertà e obbedienza per il servizio missionario nel mondo, secondo il carisma di Daniele Comboni”.

I Missionari Comboniani sono un Istituto religioso esclusivamente missionario che, come comunità, si dedica all’evangelizzazione dei popoli. Le caratteristiche del suo servizio missionario si esprimono in quattro dimensioni: "ad gentes", "ad pauperes", "ad extra" e "ad vitam".
Dopo aver cercato invano di coinvolgere vari istituti per la realizzazione del Piano, Daniele Comboni decise di fondare a Verona il 1° giugno 1867 l'Istituto per le missioni della Nigrizia.
Si trattava di un istituto di diritto diocesano composto di sacerdoti e "fratelli coadiutori" di diverse nazionalità, senza voti religiosi, ma vincolati da un giuramento di appartenenza e di fedeltà all'Istituto e alla missione.
Mons. Comboni morì a Khartoum il 10 0ttobre 1881, prima di poter consolidare le sue istituzioni che aveva concepito su scala internazionale. Dopo che le missioni furono distrutte durante la rivolta mahdista, il suo successore, Mons. F. Sogaro, nel 1885 chiese ed ottenne dalla Santa Sede che l'Istituto fosse trasformato in Congregazione religiosa.

Giustizia, Pace e Integrità del Creato (GPIC) sono parte integrante della missione della Chiesa. Il Capitolo del 1985 li vede come un tutt’uno e come priorità nell’attività missionaria del Comboniano. Per questo sono coordinati dal Segretariato Generale dell’evangelizzazione.

I Missionari Comboniani sono testimoni con la loro vita del Vangelo e della Missione: Servi di Dio, Martiri, Uomini illustri, Defunti.

In questa sezione è conservato il notiziario mensile dei Missionari Comboniani, a partire dal 2003.

Le liturgie domenicali e festive racchiudono un messaggio e un invito missionario che le Omelie possono e devono mettere in risalto.