Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine di san Daniele Comboni

Immagine

LITURGIA DELLE ORE

Lodi Mattutine

 

INNO

All’alba di questo mattino
la Chiesa saluta festante
la luce di Cristo Risorto
che splende nel cuore dei santi.

Daniele, tra gioie e fatiche,
un nuovo cammino hai tracciato,
la notte ed il giorno hai vegliato,
pastore dal cuore ferito.

A nuove speranze ci chiami
e inviti a far “causa comune”
coi poveri d’ogni frontiera
eredi del regno dei cieli.

La Buona Notizia hai recato
a popoli oppressi in attesa;
le antiche ferite hai lenito
col vino e con l’olio che sana.

All’Africa, terra diletta,
ridoni il canto e la danza,
le infondi beata speranza
di un fulgido e lieto avvenire.

Te Padre dei doni adoriamo,
Te Cristo fratello annunciamo,
Te Spirito Santo lodiamo
nel flusso dei secoli eterni. Amen.

Oppure un altro inno approvato dall’autorità ecclesiastica.

1 ant.
Ti ho cercato per portare al tuo Cuore le gioie e i dolori dei fratelli.

SALMO 62, 2-9 L’anima assetata del Signore.

O Dio, tu sei il mio Dio, all’aurora ti cerco, *
di te ha sete l’anima mia,
a te anela la mia carne, *
come terra deserta, arida, senz’acqua.

Così nel santuario ti ho cercato,*
per contemplare la tua potenza e la tua gloria.
Poiché la tua grazia vale più della vita, *
le mie labbra diranno la tua lode.

Così ti benedirò finché io viva,*
nel tuo nome alzerò le mie mani.
Mi sazierò come a lauto convito, *
e con voci di gioia ti loderà la mia bocca.

Nel mio giaciglio di te mi ricordo,*
penso a te nelle veglie notturne,
tu sei stato il mio aiuto;*
esulto di gioia all’ombra delle tue ali.

A te si stringe *
l’anima mia.
La forza della tua destra *
mi sostiene.

1 ant. Ti ho cercato per portare al tuo Cuore le gioie e i dolori dei fratelli.

2 ant. Si rallegrino tutte le creature: la sposa bruna è pronta per le nozze dell’Agnello.

 

CANTICO Dn 3, 57-88.56 Ogni creatura lodi il Signore.

Benedite, opere tutte del Signore, il Signore,*
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Benedite, angeli del Signore, il Signore,*
benedite, cieli, il Signore.

Benedite, acque tutte, che siete sopra i cieli, il Signore, *
benedite, potenze tutte del Signore, il Signore.
Benedite, sole e luna, il Signore, *
benedite, stelle del cielo, il Signore.

Benedite, piogge e rugiade, il Signore, *
benedite, o venti tutti, il Signore.
Benedite, fuoco e calore, il Signore, *
benedite, freddo e caldo, il Signore.

Benedite, rugiada e brina, il Signore, *
benedite, gelo e freddo, il Signore.
Benedite, ghiacci e nevi, il Signore, *
benedite, notti e giorni, il Signore.

Benedite, luce e tenebre, il Signore, *
benedite, folgori e nubi, il Signore.
Benedica la terra il Signore, *
lo lodi e lo esalti nei secoli.

Benedite, monti e colline, il Signore, *
benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore.
Benedite, sorgenti, il Signore, *
benedite, mari e fiumi, il Signore.

Benedite, mostri marini e quanto si muove nell’acqua, il Signore, *
benedite, uccelli tutti dell’aria, il Signore.
Benedite, animali tutti, selvaggi e domestici, il Signore, *
benedite, figli dell’uomo, il Signore.

Benedica Israele il Signore, *
lo lodi e lo esalti nei secoli.
Benedite, sacerdoti del Signore, il Signore, *
benedite, o servi del Signore, il Signore.

Benedite, spiriti e anime dei giusti, il Signore, *
benedite, pii e umili di cuore, il Signore.
Benedite, Anania, Azaria e Misaele, il Signore, *
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Benediciamo il Padre e il Figlio con lo Spirito Santo *
lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli.
Benedetto sei tu, Signore, nel firmamento del cielo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Alla fine di questo cantico non si dice il Gloria al Padre.

2 ant.
Si rallegrino tutte le creature: la sposa bruna è pronta per le nozze dell’Agnello.

3 ant. L’uva pressata nel torchio ha dato vino buono:
alla festa del regno gli ultimi saranno i primi.

SALMO 149 Festa degli amici di Dio.

Cantate al Signore un canto nuovo; *
la sua lode nell’assemblea dei fedeli.
Gioisca Israele nel suo Creatore, *
esultino nel loro Re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze, *
con timpani e cetre gli cantino inni.
Il Signore ama il suo popolo, *
incorona gli umili di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria, *
sorgano lieti dai loro giacigli.
Le lodi di Dio sulla loro bocca *
e la spada a due tagli nelle loro mani,

per compiere la vendetta tra i popoli *
e punire le genti;
per stringere in catene i loro capi, *
i loro nobili in ceppi di ferro;

per eseguire su di essi *
il giudizio già scritto:
questa è la gloria *
per tutti i suoi fedeli.

3 ant. L’uva pressata nel torchio ha dato vino buono:
alla festa del regno gli ultimi saranno i primi.

LETTURA BREVE 1 Cor 9, 16-18

Non è per me un vanto predicare il vangelo; è per me un dovere; guai a me se non predicassi il vangelo! Se lo faccio di mia iniziativa, ho diritto alla ricompensa; ma se non lo faccio di mia iniziativa,è un incarico che mi è stato affidato. Quale è dunque la mia ricompensa? Quella di predicare gratuitamente il vangelo.

RESPONSORIO BREVE

R/. Lo hai posto come sentinella, * veglia sulla tua Chiesa.
Lo hai posto come sentinella, veglia sulla tua Chiesa.

V/. Giorno e notte ha annunciato il tuo nome, veglia sulla tua Chiesa.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Giorno e notte ha annunciato il tuo nome, veglia sulla tua Chiesa.

Ant. Al Ben.. Lo Spirito del Signore mi ha mandato a portare ai poveri
il lieto annunzio delle inesauribili misericordie del Cuore di Cristo.

BENEDICTUS Lc 1, 68-79

Benedetto il Signore Dio d’Israele, *
perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *
nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

salvezza dai nostri nemici,*
e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,*
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo *
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
nella remissione dei suoi peccati,

 

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
e nell’ombra della morte

e dirigere i nostri passi * sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Al Ben.. Lo Spirito del Signore mi ha mandato a portare ai poveri
il lieto annunzio delle inesauribili misericordie del Cuore di Cristo.

INVOCAZIONI

A Cristo Buon Pastore, inviato dal Padre a radunare in una sola famiglia tutti i popoli della terra, innalziamo con fiducia la nostra preghiera:

O Signore, rinnovaci con il dono del tuo Spirito..

Signore Gesù, che hai ispirato a san Daniele un ardente amore per i popoli dell’Africa,
- concedi anche a noi di condividere le ansie e le speranze di coloro che attendono l’annunzio del vangelo.

Tu che sei sacramento dell’amore del Padre,
- fa’ che la Chiesa del nostro tempo sia capace di scoprire le ragioni della speranza, lì dove si costruisce fraternità e si opera per un mondo più giusto e umano.

Tu che in san Daniele, posto al servizio del tuo popolo, ti sei fatto medico delle anime e dei corpi,
- guarisci le profonde ferite della nostra umanità.

Tu che hai illuminato le genti africane con la predicazione del santo vescovo Daniele,
- fa’ che non manchino mai alla Chiesa pastori secondo il tuo cuore, docili alla voce dello Spirito, fedeli dispensatori della Parola e dei Sacramenti.

Tu che hai associato all’opera di salvezza la Vergine Maria, tua Madre,
- fa’ che il ruolo della donna sia riconosciuto come parte integrante del processo di trasformazione del mondo in regno di Dio.

Tu che sei immagine viva dell’amore misericordioso del Padre,
- aumenta in coloro che annunciano il vangelo lo spirito di comunione fraterna.

Padre nostro.

ORAZIONE

Dio, Padre di tutte le genti, che per lo zelo apostolico del santo vescovo Daniele Comboni hai esteso la tua Chiesa tra i popoli dell’Africa, concedile, per sua intercessione, di crescere nella fede e nella santità, e di arricchirsi sempre di nuovi figli, a gloria del tuo nome. Per il nostro Signore.